Pallamano, la prossima frontiera dell’Arabia Saudita

Le potenze storiche dell’handball si aspettano un imminente incremento degli investimenti del paese nello sport: a partire dal campionato nazionale e dall’organizzazione dei mondiali.

Anche la pallamano è nel mirino dei sauditi. Lo sport indoor meno considerato in Italia, dove gli appassionati e gli sponsor preferiscono pallavolo e basket, è nato tra Danimarca e Germania ed attualmente la Bundesliga rappresenta nell’ambiente quello che la Premier League è nel calcio.

Nello scorso fine settimana il Magdeburgo (campione d’Europa) si è aggiudicato il Super Globe tenutosi proprio in Arabia Saudita battendo Berlino (vincitore dell’ultima Europa League) in finale, mentre il Barcellona è arrivato terzo davanti ai polacchi di Kielce. Ai vincitori sono andati 400 mila dollari, ai secondi piazzati 200, ai terzi 150.

I club avevano fatto sapere che la partecipazione avrebbe avuto un senso per chi fosse arrivato sul podio.

Ma il torneo – che purtroppo si è chiuso in un palazzetto semivuoto, con due squadre tedesche in campo che mediamente fanno 7 mila persone nelle proprie partite casalinghe – rappresenta solo uno dei passi avanti dell’Arabia Saudita nel mondo della pallamano.

I dirigenti della Bundesliga di pallamano si aspettano infatti che presto molti professionisti possano essere attratti da ingaggi fuori mercato in Arabia Saudita.

“Non guardo la situazione con preoccupazione, ma sto già osservando come si stanno evolvendo le cose in Arabia Saudita – ha detto il presidente dell’HBL Uwe Schwenker a Handball-world. “Se ora si candidano per un campionato mondiale di pallamano, allora bisogna aspettarsi che istituiscano anche un campionato corrispondente”.

L’Arabia Saudita si candiderà per i mondiali di pallamano sfidando paesi con grande tradizione in questo sport.

Mentre la Germania in gennaio ospiterà gli Europei 2024, Islanda, Norvegia e Danimarca stanno per presentare una domanda congiunta per ospitare la Coppa del mondo di pallamano nel 2029 o 2031. I membri dell’associazione lo hanno confermato a diversi rappresentanti dei media nazionali.

“Per ora la richiesta non è vincolante, ma possiamo confermare che abbiamo fatto il primo passo per esprimere interesse”, ha detto Gudmundur Olafsson, presidente dell’Associazione islandese di pallamano HSI, sul portale handbolti.is . Lo ha confermato anche la Associazione danese di pallamano all’emittente televisiva TV2 Sport .

La Danimarca è stata l’unica nazione ospitante del campionato mondiale di pallamano maschile nel 1978. Nel 2019 il torneo è stato organizzato insieme alla Germania, nel 2025 si svolgerà insieme a Norvegia e Croazia.

L’Islanda, che finora ha ospitato solo la Coppa del mondo di pallamano del 1995, si candida ad ospitare due gironi del turno preliminare e un girone del turno principale. La sede sarebbe quindi il Laugardalshöll di Reykjavik, che sarà nuovamente ampliato entro il 2025.

Ma anche Handbolti.is conferma i rumors sull’imminente avanzata di una candidatura saudita.

This entry was posted in Soft power and tagged , . Bookmark the permalink.

One Response to Pallamano, la prossima frontiera dell’Arabia Saudita

  1. Sina Kirsanovs says:

    Interessante!

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *